QueerInAction for WEIRD

Giovedì 4 Ottobre

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

[ore 20:30]
En Soap, Danimarca 2006, diretto da Pernille Fischer Christensen

Esordio nella regia di un lungometraggio cinematografico, è stato presentato con successo al Festival di Berlino, dove ha vinto l’Orso d’argento – Gran premio della giuria e il premio per la miglior opera prima.

 

Charlotte, proprietaria di una clinica di bellezza, lascia Kristian, con cui conviveva da quattro anni, e si trasferisce in un appartamento in periferia. Al piano di sotto abita Veronica (che in realtà si chiama Ulrik), una transessuale che aspetta la lettera di autorizzazione delle autorità per effettuare l’operazione di cambio di sesso. Per mantenersi si prostituisce. A causa della depressione tenta il suicidio inghiottendo una grande quantità di pillole. Charlotte, infastidita dai guaiti di Miss Daisy, il cane di Veronica, va da lei per lamentarsi, la trova priva di conoscenza e chiama un’ambulanza salvandole la vita.
Kristian, ubriaco, si reca a casa di Charlotte, chiedendole di tornare da lui, e la picchia. Sentendo i rumori Veronica interviene difendendo la vicina e mandando via il suo ex-fidanzato. Poi la ospita per qualche giorno prendendosene cura e tra di loro nasce un sentimento confuso.

http://www.youtube.com/watch?v=ek17RaBxZnY

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
[ore 22:30]
Beautiful Boxer, Thailandia 2003, diretto da Ekachai Uekrongtham.

Narra la vicenda sportiva ed esistenziale di un ragazzo effeminato (poi transessuale) e del rapporto tra la sua condizione intima e la famiglia, la società in generale ed il mondo sportivo ove svolge il suo lavoro come un appassionato pugile professionista.
Basato su una storia vera, la vita di Nong Thoom, un famoso boxeur transessuale thailandese (per l’esattezza un Kathoey), poi anche attrice e modella.
Il film mostra tutte le tappe più importanti della vita di Nong, a partire dal momento in cui ancora ragazzino scopre che gli piace indossare abiti femminili e truccarsi. Nel contempo inizia la sua carriera di pugile, giungendo fino in cima alla sua categoria: la sua bravura, oltre allo stile personale aggraziato, gli porta fama e notorietà.

http://www.youtube.com/watch?v=Dav45yuScvk

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

Venerdì 5 Ottobre

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

[ore 20:30]
El ultimo verano de la Boyita, Argentina 2009, diretto da Julia Solomonoff.

El ultimo verano de La Boyita è da sempre la roulotte-rifugio di Jorgelina e della sorella maggiore Luciana, ma quando questa la trascura per andare in vacanza al mare, Jorgelina decide di raggiungere il padre medico nella tenuta di famiglia. Qui Jorgelina rivede Mario, il figlio dei braccianti della fattoria, ragazzino orgoglioso e solitario che cerca di guadagnarsi il rispetto del padre allenandosi per la corsa a cavallo della festa del paese. Jorgelina, curiosa e annoiata, cerca la compagnia di Mario per vivacizzare l’estate sonnolenta. Le piccole avventure nella natura portano i due ad avvicinarsi, ma Jorgelina intuisce che Mario nasconde qualcosa che neanche lui capisce fino in fondo. Il suo corpo sta cambiando ma vergogna e ignoranza non gli permettono di affrontare il problema. Sarà Jorgelina che chiedendo candidamente a suo padre “Ma ai maschi quando vengono le mestruazioni?” aiuterà il suo amico nella loro ultima estate alle soglie dell’adolescenza. Prodotto da Augustin Almodovar El ultimo verano de la Boyita affronta i naturali interrogativi su corpo e genere esplorando l’ancor poco conosciuta questione dell’intersessualità.

(Sarà replicato sabato 6 alle 22.30*)

http://www.youtube.com/watch?v=up5pwNWZ-8I

 

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

[ore 22:30]
Romeos, Germania 2011, diretto da Sabine Bernardi.

La pellicola è stata presentata nella sezione Panorama al Festival internazionale del cinema di Berlino l’11 febbraio 2011 ed ha partecipato al Frameline Film Festival di San Francisco il 21 giugno del medesimo anno.

Lukas, in transito da donna a uomo, sta seguendo una terapia ormonale. Trasferitosi a Colonia per il servizio civile obbligatorio, viene erroneamente assegnato ad una residenza di giovani infermiere. Per mezzo dell’amica Ine, Lukas vince alcune difficoltà della vita da transgender e conosce Fabio, un bel ragazzo molto mascolino dal fisico prestante, inconsapevole della identità transgender di Lukas. I due ragazzi cominciano a frequentarsi e ad essere sempre più attratti l’uno dall’altro ma dovranno confrontarsi con l’identità segreta di Lukas.
http://www.youtube.com/watch?v=JH19Kz87FwI

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

Sabato 6 ottobre

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

[ore 20:30]
Strella, Grecia 2009, Panos H. Koutras.

Yiorgos viene rilasciato dopo aver scontato la pena di 14 anni di reclusione per un omicidio che aveva commesso nella sua città natale. Passa così la sua prima notte di libertà in un hotel nel centro di Atene dove incontra una prostituta transessuale, Strella. Dormono insieme e diventano presto una coppia. Il passato di Yiorgos non si dimentica di lui, ma con Strella dalla sua parte, spera di riuscire a venirne fuori. “STRELLA è il tipo di storia che si racconta alle cene, una sorta di leggenda metropolitana. Queste storie di solito partono da un fatto conosciuto dalla collettività, e fanno riferimento a miti archetipici, soprattutto della tradizione greca. Questo è esattamente quanto è STRELLA: greci, che vivono in un paese in cui il passato è tanto vivo quanto la sua attualità, in cui il bisogno di un’identità europea e di una nuova scala di valori è più pressante che mai.” (note di produzione) – In seguito ai rifiuti subiti dalle finanziarie, Panos H. Koutras si è visto obbligato a produrre il suo film senza alcun aiuto economico. Anche le case produttrici (cinematografiche) più importanti gli hanno voltato le spalle. E così STRELLA è diventato un film completamente auto-prodotto; girato in un periodo di dieci mesi, quasi tutti i ruoli sono interpretati da attori non professionisti. (Berlinale 2009, tr. G.B.)

http://www.queerframe.tv/it/00022/68/page.html

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

[ore 22:30]
El ultimo verano de la Boyita, Argentina 2009, diretto da Julia Solomonoff .(REPLICA*)

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

*TUTTI I FILM SONO SOTTOTITOLATI IN ITALIANO

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *